Terminato anche il primo week end di gare per gli atleti dello sci alpino discipline tecniche, con il consueto slalom di Levi disputato sulla pista denominata “Levi Black” nel Nord della Finlandia ai confini del Circolo Polare Artico.

Ieri sono scese in pista le donne e in casa Italia le notizie non sono delle migliori: la veterana Irene CURTONI infatti non ha potuto gareggiare a causa di un dolore persistente alla schiena causato da una brutta caduta in allenamento in Val Senales, si pensava fosse solamente una forte botta, ma il dolore non si arresta e al rientro in Italia l’alpina si sottopporà ad accertamenti medici. Per le altre due atlete del Centro Sportivo Esercito in gara all’esordio di carriera sulla pista artica la classifica non sorride molto. Troviamo infatti al 45° posto la bormina Federica SOSIO  e al 54° la compagna di squadra Roberta MIDALI, non potendo accedere cosi alla seconda manche.

La gara è stata vinta dalla slovacca Petra Vlhova, davanti alla vincitrice della Coppa del Mondo generale della passata stagione, la statunisteste Mikaela Shiffrin terza la svizzera Wendy Holdener.

In campo maschile la gara si è disputata oggi, la nebbia cosi come ieri ha fatto da padrone sulla “Levi Black” e purtroppo come prima gara di stagione le aspettative non sono state totalmente soddisfatte. Miglior azzurro in gara Manfred Moelgg al 9° mentre per l’olimpionico di Vancouver 2010 Giuliano RAZZOLI portacolori del Centro Sportivo Esercito questa competizione era un po un ritorno ed un momento per fare il punto della situazione a livello internazionale dopo l’infortunio subito nel periodo estivo che non gli ha permesso di procedere secondo i piani di preparazione atletica. Purtroppo fuori dai 30° nella prima manche non ha potuto accedere alla seconda per giocarsi piazzamenti di rilievo. L’obiettivo di RAZZOLI per questo inizio di stagione è centrare la qualifica olimpica per poter approdare a PyeonChang e rimettersi in gioco proprio come 8 anni fa. La gara è stata vinta dal tedesco Felix Neureuther, secondo il norvegese Henrik Kristoffersen e terzo classificato Mattias Hargin per la Svezia.

Il prossimo appuntamento con le discipline veloci a fine mese negli Stati Uniti.