Il circuito di Ibu Cup si appresta a partire per questa stagione 2017/2018 facendo da apri pista alla Coppa del Mondo, che andrà in scena da domenica 26 novembre in Svezia. Vogliamo spendere però qualche parola per introdurre il circuito “minore” di Ibu Cup, che come consuetudine fa tappa nel Nord Europa per la prima stagionale, ovvero in Norvegia nella località di Sjusjoen, centro biathlon internazionale affermato e molto valido grazie alla caratteristica di avere un poligono regolare, piste tecniche e la neve naturale disponibile sin dai mesi autunnali.

Dunque la data è fissata per domani 23 novembre, per l’inizio ufficiale della stagione agonistica della disciplina del biathlon, con la gara sprint maschile alle ore 10.00 e donne alle ore 13.00 ripetendosi sabato 25 nello stesso formato e orari per poi concludere la tappa scandinava domanica 26 con le staffette miste e la staffetta singola.

La squadra nazionale italiana, dopo aver trascorso un periodo di allenamento a Trysil (NOR) hanno raggiunto ieri la località di gara, per poter testare i materiali e trovare il giusto feeling con la pista ed il poligono. Sono sette gli azzurri in terra scandinava, cinque maschi e due donne, capitanati dagli allenatori Klaus Hollrigl alla prima esperienza da tecnico in nazionale  e Nicola POZZI, tecnico già affermato da anni all’interno della Federazione e portacolori del Centro Sportivo Esercito.

A disposizione per la categoria maschile solo 4 posti in gara, frutto di punteggi ottenuti lo scorso anno a livello internazionale per la nazione Italia, dunque ci sarà una scelta tecnica per lo schieramento maschile. Domani vedremo al cancelletto di partenza gli alpini Thierry CHENAL, Saverio ZINI  e il neo arruolato Paolo RODIGARI, assieme al finanziere Benjamin Plaicker, mentre per scelta tecnica non gareggerà l’altro finanziere Luca Ghiglione, che con molte probabilità sarà della partita sabato nella seconda sprint.

 

In campo femminile situazione più semplice, solo due le atlete in gara, trattasi della veterana Nicole GONTIER, atleta di alto livello, capace di salire sul podio nella gara individuale di Coppa del Mondo a Oberhof nel gennaio 2015 e di conquistare due medaglie mondiali di bronzo nella specialità staffetta rispettivamente a Nove Mesto nel 2013 e a Konthiolati nel 2015, ma che nelle due ultime passate stagioni non è riuscita ad esprimersi nella sua totalità, e l’esordiente Ginevra Rocchia, atleta cuneese che si trova alla sua  prima esperienza nella categoria senior, vantando diversi titoli italiani nelle categorie giovanili, atleta nella quale gli allenatori hanno fermamente creduto soprattuto per le abilità al tiro che ha dimostrato negli anni. Per lei una rampa di lancio non indifferente, una stagione tutta da scoprire e da sfruttare.

Abbiamo raggiunto telefonicamente nel pomeriggio Nicole GONTIER, portacolori del Centro Sportivo Esercito ormai da diverse stagioni, e le abbiamo chiesto come si sente all’inizio di questa nuova ed importante stagione agonistica, che avrà il suo culmine a febbraio con le olimpiadi in Korea. Sempre molto disponibile e sorridente, ci ha dedicato un po del suo tempo prima della corsetta serale e del preatletismo che anticipano la gara di domani. Ecco le sue parole:

Per questa stagione è scontato che il mio obiettivo è fare del mio meglio, ma in questo momento per me è fondamentale ritrovare le sensazioni che avevo un paio di anni fa, soprattutto fisicamente, quando riuscivo a spingere il mio corpo davvero fino al limite. Per la parte tecnica del tiro invece, dopo un periodo decisamente buio e difficile, mi sembra di aver avuto un miglioramento, ma questo lo potrò dire a pieni polmoni solamente quando, anche in gara, riuscirò a dimostrare la strada fatta durante il periodo estivo. La preparazione si è svolta nei migliori dei modi, in tutto il periodo estivo sino all’ultimo raduno svolto a Trysil in Norvegia,e devo dire che ha giovato molto il fatto che gli allenatori sono riusciti a creare un gruppo di lavoro nel quale regna la serenità e l’armonia, facendo in modo che la fatca degli allenamenti fosse quasi piacevole. Si, quest’anno sono la veterana del gruppo ma questo per me è stato fonte di stimolo per non sedermi ed abbattermi, cosi come spero, per gli altri di essere stata un buon traino, soprattutto a livello di esperienze e di aver dato ad ognuno dei miei compagni uno spunto positivo per raggiungere gli obiettivi prefissati.

Mi sento carica e felice di poter iniziare questa stagione per vedere il frutto del lavoro fatto, sia al tiro che sulla tecnica, per capire il mio livello e dove sono rispetto alle avversarie internazionali. Al momento voglio mantenere calma e serenità e concentrarmi su me stessa e non lasciarmi prendere da altri pensieri…e per altri pensieri intendo il ritorno in Coppa del Mondo o le Olimpiadi…certo è giusto dire che l’obiettivo finale è quello, ho avuto stagioni fa la conferma di saper difendermi nel massimo circuito, ma voglio guardare avanti un passo alla volta, per non mettermi pressioni addosso che mi indurrebbero solo a complicare il  mio percorso.

La situazione per la gara di domani non è per niente facile, la concorrenza è alta perché ci sono tutte le atlete appena escluse dai test interni delle varie nazioni per le convocazioni alla Coppa del Mondo di Oestersund e per di più le condizioni climatiche non sono ottimali…oggi ad esempio ha imperversato una bufera di neve e vento freddo per tutto il giorno, domani invece pare ci sarà un rialzo temperature con pioggia….nulla è scontato e tutto può succere,bisogna essere precisi in ogni dettaglio per ottenere il miglior dei risultati, dall’attenzione al poligono alla scelta dei materiali. La pista molto tecnica, con salite difficili e lunghe si addice un po alle mie caratteristiche fisiche e tecniche, ma bisogna attendere domenica per poter fare un resoconto realistico della mia condizione. In ogni caso, sono certa di giocare tutte le mie carte per rientrare in Italia soddisfatta e appagata e di voler continuare ad impegnarmi per ringraziare tutti coloro che nonostante le difficoltà incontrate nelle ultime stagioni sono pronte a sostenermi e tifarmi. “

A noi non resta che fare un grande in bocca al lupo a Nicole e a tutta la squadra italiana per l’esordio di domani, seguendo gli atleti in questo percorso che speriamo regalerà loro grandi soddisfazioni personali e sportive.

 

Nella foto Nicole GONTIER in allenamento in Norvegia…