Gli azzurri del biathlon protagonisti quest’oggi di una staffetta interessante. Sebbene la tappa di Hochfilzen non abbia evidenziato una prestazione da podio nel settore maschile, segnali importanti sono arrivati invece dal giovane debuttante Thierry Chenal. Alla prima sprint di coppa del mondo riuscire a qualificarsi per l’inseguimento con una discreta prova al poligono non è poi un’impresa così banale come si possa pensare. Ripetere una prestazione in staffetta con gli altri azzurri non era prova meno impegnativa. Eppure il giovane azzurro ha dato prova di maturità nella gara odierna dove la squadra Belga ha fatto vedere nelle prime due frazioni qualcosa di importante ed interessante. Complici anche gli errori commessi, nonostante le ricariche, proprio dai veterani Windisch e Hofer, gli azzurri hanno chiuso al 5° posto una gara a squadre che ha lasciato intravedere comunque un potenziale anche in previsione del rientro di Giuseppe Montello. La vittoria è andata, senza discussioni, alla Norvegia che, con il tempo di 1h21’21” ha lasciato alle proprie spalle la Germania attardata di 1’54”. Al terzo posto nonostante i 3 giri di penalità una Francia artefice di una bella rimonta.