La stagione invernale si avvicina e per i fondisti è tempo di riprendere in mano gli sci. La località prescelta per questo raduno sulla neve è il Passo dello Stelvio (SO), meta scelta e riscelta dalla squadra di sede in quanto capace di offrire un facile innevamento data l’altitudine. La pista sulla quale si alleneranno i fondisti si trova sul vero e proprio ghiacciaio dello Stelvio, ad una quota molto elevata, di oltre 3200 m, dove anche il semplice respirare diventa più complicato e di conseguenza gli allenamenti molto più faticosi. L’allenamento di alta quota è la tipica pratica sportiva svolta per gli sport di resistenza per il fatto che, a causa della mancanza di ossigeno, il corpo può ambientarsi in diversi modi: aumentare la massa dei globuli rossi e di emoglobina, permettendo agli atleti di avere una maggiore concentrazione di globuli rossi per 10-14 giorni dandogli un vantaggio competitivo ma allo stesso tempo è per loro anche molto più facile stancarsi proprio a causa della mancanza di ossigeno. La giornata tipo dell’atleta in ghiacciaio consiste in: sveglia presto, colazione, funivia per raggiungere la pista, primo allenamento che generalmente consiste in un lungo lento: in media due ore di attività ad un’intensità blanda con battiti cardiaci relativamente bassi. Terminato l’allenamento del mattino gli atleti scenderanno ai loro alloggi, in questo caso nella Caserma della Guardia di Finanza, per pranzare e riposarsi in vista del secondo allenamento giornaliero che quasi sempre consiste in palestra, corsa o lavori di intensità in skiroll svolti a Bormio ad una normale quota di 1225 m dove per loro sembrerà molto più facile svolgere lavori aerobici. Saranno i due tecnici FABIO PASINI e SERGIO BONALDI a seguire gli atleti della squadra di sede: ENRICO NIZZI, ALICE CANCLINI insieme ai due tesserati DANIELE SERRA e JEAN LUC PERRON.

Nella foto in evidenza gli atleti della squadra di sede, da sinistra i tesserati JEAN LUC PERRON e DANIELE SERRA, l’atleta ENRICO NIZZI, i tecnici SERGIO BONALDI E PASINI FABIO e l’atleta ALICE CANCLINI.

Qui sotto una foto del panorama a 3400 mt, dalla pista in cui si sono allenati questa mattina i nostri atleti.