Il mal tempo che imperversa su tutto il nord Italia in questi giorni ha influenzato anche l’isola del Mediterraneo, la Sardegna, dove Alessandro ZENI è in attività dal 21 ottobre con il progetto di conquistare la difficile via chiamata “Hotel Supramonte”. L’alpino in forza al Centro Sportivo Esercito di Courmayeur ha dovuto far i conti ancora una volta con la sfortuna di una meteo inclemente che lo costringe a cambiare i piani con motivazioni tecniche più che valide; la forti piogge che si sono abbattute nei giorni passati oltre che a inumidire le difficili pareti della falesia sarda in cui si trova la via in questione, hanno portato alla creazione di un lago alla base del canyon in cui è sita “Hotel Supramonte” rendendola inacessibile.

Ma al cuor non si comanda ed il richiamo di queste placche è troppo forte per Alessandro. Cosi il trentino classe 1991 ha deciso di dirottare l’obiettivo su un’altra via altrettanto difficile ed insidiosa. Si tratta di “Umbras” sulla Punta Cusidore, via che si snoda su una lunghezza di 300 mt con punte di difficoltà sino all’ 8a, in attesa ancora di una prima ripetizione.

Alessandro è riuscito, nonostante il cattivo tempo, ad allenarsi in previsione di ripetere “Umbras” e ieri durante una finestra di bel tempo si è recato alla falesia ” Serra Oseli” vicino a Urzulei. Li è riuscito nella prima ripetizione della via ” Hacicko” gradata 8b, sita su una delle placche ritenute tra le più difficili della Sardegna. La via in questione era stata liberata da Maurizio Oviglia nel 2011 e non aveva mai trovato nessuno che la ripetesse sino a ieri. Raggiunto telefonicamente Alessandro ha raccontato a cuore aperto di come si è innamorato di queste placche a lui molto congeniali, e ci ha raccontato che non ha potuto fare a meno di salire a vista anche le vie ” Fiori d’Arancio” grado 8a e “i favolosi anni 80” 7c+.

Alessandro rimarrà in Sardegna sino al 7 novembre, data entro la quale tenterà questa prima ripetizione di “Umbras”.

Nella foto Alessandro ZENI in attività ieri….