Si è svolta ieri mattina la 10 km T.L. di Coppa del Mondo a Davos (SUI) dove la nostra Elisa BROCARD, classificandosi al 10° posto, ha ottenuto il miglior piazzamento tra le azzurre in gara. Davvero una buona prestazione quella della valdostana di Gressan che vanta nella sua carriera tre partecipazioni ai giochi olimpici invernali: Vancouver 2010, Sochi 2014 e Pyeongchang 2018 e tre edizioni dei Campionati mondiali senza trascurare i numerosi risultati di rilievo a livello nazionale, una carriera in crescendo quella della nostra alpina che nelle ultime stagioni sta migliorando condizione e piazzamenti. L’atleta del Centro Sportivo Esercito Elisa BROCARD, componente della squadra italiana nonché veterana della nazionale, a 34 anni ha ottenuto il suo miglior risultato in carriera proprio nella gara di ieri 16 dicembre, gara alla quale erano presenti tutte le big e all’appello mancava solamente la svedese Charlotte Kalla. Sentiamo le parole di Elisa BROCARD

Sono felicissima della gara di ieri, in primis perché sono riuscita ad ottenere il mio miglior risultato in carriera ma anche perché questo piazzamento arriva in una gara individuale per di più la gara di ieri è stata svolta in solitaria in quanto non ho trovato nessun trenino, come è invece successo la settimana scorsa a Beitøstolen (NOR), a maggior ragione questa “top ten” per me vale moltissimo. E’ stato emozionante salire sul trono da leader prima che l’imbattibile Johaug tagliasse la linea del traguardo, quasi non ci credevo perché l’obbiettivo che mi ero prefissata era provare a fare meglio di Beitøstolen quindi entrare nelle 15 e invece sono riuscita a centrare la “top ten”. Per di più ieri mattina non avevo per niente delle buone sensazioni e quindi da una parte ero preoccupata e dall’altra cercavo di allontanare questo pensiero così sono partita pensando solo a sciare bene già da subito, quando poi dopo qualche chilometro ho avuto i primi riscontri cronometrici ho capito che stavo facendo una bella gara e che mi potevo giocare una buona posizione così ho preso consapevolezza e la motivazione è cresciuta riuscendo a dare tutto fino all’arrivo. I materiali erano velocissimi anche questa volta e per questo devo ringraziare gli skimen della squadra nazionale, tra cui il nostro Françoise RONC CELLA, e tutto lo staff italiano in particolare il mio allenatore Simone PAREDI.

Un risultato non trascurabile quello dell’alpina di Gressan che a solo due settimane dall’avvio del Tour de Ski ha già raggiunto una buona forma, dopo l’esordio in Coppa del Mondo a Beitøstolen dove ha chiuso 17 con la gara di ieri ha confermato una crescita di condizione posizionandosi tra nomi importanti del fondo mondiale. Un esempio lampante, quello della 34 enne, che la costanza, la determinazione e la perseveranza sono le carte vincenti in questo sport di fatica e sacrifici.

Nell’immagine in evidenza Elisa BROCARD sul trono da leader. Nella foto qui sopra Elisa BROCARD in azione.